Legge sul Fine Vita
Dopo anni di dibattito anche in Italia finalmente è stata approvata una legge che regolamenta il fine vita: legge sul testamento biologico....Leggi tutto...
Contro ogni fascismo il coraggio della nonviolenza
Le oltre diecimila persone che hanno manifestato a Como contro ogni fascismo e intolleranza non sono scese in piazza solo per gridare No a tutti i...Leggi tutto...
Blitz di Forza Nuova contro Repubblica: ma quale passato? questo è il presente!
Prima di tutto esprimiamo la nostra solidarietà al quotidiano “La Repubblica” per l’iniziativa intimidatoria messa in atto...Leggi tutto...
Il grande inganno del Reddito di Inclusione
La soluzione alla povertà è la redistribuzione del reddito con la piena e buona occupazione.

In questi...Leggi tutto...
Appello per la ratifica del Trattato sulla proibizione delle armi nucleari
Il Partito Umanista Internazionale fa appello a tutti gli Stati perché firmino e ratifichino il Trattato sulla proibizione delle...Leggi tutto...
Amazon e il Grande Fratello
Quello che succede dentro Amazon Italia non può che essere fonte di gravi preoccupazioni. Infatti, i “supermagazzinieri” sono...Leggi tutto...
Basta austerità! Fermiamo il Fiscal Compact
Basta austerità! Fermiamo il Fiscal Compact.
Per riaprire la discussione su un'Europa oltre Maastricht, per eliminare il...
Leggi tutto...
Aiutiamoli a casa loro? Una balla spaziale
di Vittorio Agnoletto
“Aiutarli a casa loro” per anni è stato lo slogan della destra. Ora è diventato il...Leggi tutto...
Il Partito Umanista denuncia la detenzione di Raul Noro e chiede la sua liberazione, insieme a quella di Milagro Sala e degli altri membri dell'organizzazione Tupac Amaru.

Il Partito Umanista denuncia la campagna di repressione violenta contro l'organizzazione Tupac Amaru nella provincia argentina di Jujuy. Alla detenzione di Milagro Sala, referente principale di Tupac Amaru, si è sommata recentemente la detenzione di Raul Noro, responsabile stampa e militante umanista, che ha apportato nella popolare organizzazione la metodologia della nonviolenza.

La situazione a Jujuy è di una vera e propria dittatura: abusi politici, linciaggi mediatici, giudici arbitrari, attacco agli avvocati della difesa. L’obiettivo è lo smantellamento di Tupac Amaru, che negli ultimi decenni ha costruito nella base sociale un’organizzazione capace di rispondere alle necessità di casa, salute e istruzione dei suoi membri. Tupac Amaru ha svolto un grande lavoro al servizio della sua comunità, e al  tempo stesso ha evidenziato il disinteresse delle istituzioni locali  per il miglioramento delle condizioni di vita di Jujuy.

Tupac Amaru è sgradita all'oligarchia locale. Ha denunciato la corruzione nelle istituzioni locali e ha dimostrato che si possono risolvere le priorità fondamentali delle persone senza farle diventare un business. L'esempio di Tupac Amaru è pericoloso e le autorità locali vogliono porre fine alle attività dell'organizzazione eliminandone i principali dirigenti.

Anche se incarcerano i dirigenti più noti, l'impronta di Tupac Amaru è molto profonda, così come l'affetto di milioni di persone in tutto il mondo per Milagro, Raul e tante altre persone che hanno lavorato senza perdersi d'animo per trasformare la vita di migliaia di persone e rendere più umane le condizioni di vita del loro popolo.

La lontananza fisica da Jujuy è molta, ma ci sentiamo comunque molto vicini. Per questo manifestiamo pubblicamente la nostra solidarietà agli amici di Jujuy ed esigiamo la loro liberazione e il ristabilimento delle libertà e dei diritti del popolo.
Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information