AL REFERENDUM SULL’AUTONOMIA VOTIAMO NO
Il 22 ottobre 2017 i cittadini della Lombardia saranno chiamati a un referendum consultivo, con il quale verrà domandato loro se vogliono...Leggi tutto...
Aiutiamoli a casa loro? Una balla spaziale
di Vittorio Agnoletto
“Aiutarli a casa loro” per anni è stato lo slogan della destra. Ora è diventato il...Leggi tutto...
Chiedigli di Votare #StopCETA
#StopCETA: via alla mobilitazione permanente per bloccare la ratifica.
Il CETA è arrivato in Senato....Leggi tutto...
Umanisti, nonviolenti, antiliberisti: l'intervista
Umanisti, nonviolenti, antiliberisti: l'intervista a Tony Manigrasso, segretario nazionale del Partito Umanista a cura di Marco Piccinelli....Leggi tutto...
Attacco Usa in Siria: la voce del padrone
Come può essere definita la decisione del presidente USA di lanciare missili sul territorio siriano?
Il governo italiano appoggia...Leggi tutto...
Come può essere definita la decisione del presidente USA di lanciare missili sul territorio siriano?
Il governo italiano appoggia l’azione militare statunitense. Il ministero degli esteri dichiara che “l’Italia comprende”. Non in nostro nome. Noi non comprendiamo, non giustifichiamo.
Non si tratta di  una “risposta motivata”, quale potrebbe essere solo quella di una legittima difesa contro un attacco in corso. Non è una risposta. Si tratta di un vero e proprio attacco, programmato, organizzato e pronto per essere sferrato alla prima occasione. Che ci facevano, altrimenti, delle navi militari USA nel Mediterraneo piene di missili pronti ad essere lanciati?
L’occasione è stata la strage di Khan Sheikhoun, con tanto di immagini strazianti di bambini uccisi che hanno fatto il giro del mondo. Quale migliore occasione per lanciare un po’ di missili come se fossero fuochi d’artificio. Se ne producono tanti. Ogni tanto bisogna pure utilizzarli.
Ma soprattutto quale migliore occasione per ribadire, soprattutto a chi casomai se ne fosse dimenticato, chi governa il mondo. Non c’è che dire, Trump sta svolgendo il compito assegnatogli: ristabilire la gerarchia mondiale. Dopo aver creato nei due decenni precedenti le condizioni affinché si configurasse un temibile nemico da combattere, cioè il terrorismo islamico, adesso inizia il secondo atto di questa tragica commedia: “arrivano i nostri”.  
Noi, però, non partecipiamo a questa commedia, né come attori, né come spettatori. Il nostro dissenso, che è totale, nasce dalla consapevolezza che il mondo non ha più bisogno di padroni.
Ora come ora il timore può essere forte. Questo è l’obiettivo di chi vuol essere padrone. Ma noi abbiamo scelto la speranza. E faremo di tutto per diffonderla.

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information