Lottare contro la povertà, non contro i migranti
“Ogni individuo, in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale, nonché alla realizzazione...
Leggi tutto...
Di Maio firma il Jefta: Gravissimo incontri subito StopTtip
Il Ministro dello Sviluppo economico ha dato il via libera alla stipula del contratto Japan-EU Free Trade Agreement, un accordo di libero...
Leggi tutto...
Le proposte Umaniste per la Solidarietà Sociale
L'Istat aggiornando gli indicatori dell'Agenda Onu 2030 sullo sviluppo, in occasione della conferenza nazionale di statistica,...
Leggi tutto...
Fiscal Compact: un passo verso il Medioevo Finanziario
Cosa prevede il Fiscal Compact?
Fra le molte cose contenute nel trattato, le più importanti sono quattro:Leggi tutto...
Prima le persone
Ancora naufragi al largo della Libia, ancora mancato intervento da parte dei soccorsi. Le stragi di questi giorni si sarebbero potute...
Leggi tutto...
Ancora naufragi al largo della Libia, ancora mancato intervento da parte dei soccorsi. Le stragi di questi giorni si sarebbero potute evitare, ma la UE sta a guardare, mentre Italia e Malta trattengono le imbarcazioni delle ONG e non compensano la loro assenza dal Mediterraneo intervenendo direttamente con le proprie navi.
 
Nessuna strategia politica, nessun calcolo, nessuna ragione giustificano il cinismo con cui una UE senz’anima assiste passivamente alla tragedia delle centinaia di persone che muoiono in mare.
 
Per quanto il problema dell’immigrazione sia estremamente complesso e non si possa risolvere semplicemente con interventi umanitari, utili soltanto a gestire l’emergenza;  per quanto la UE scarichi l’onere dell’accoglienza sui paesi del confine meridionale, che stanno vivendo una crisi economica senza precedenti, prodotta dalle politiche di austerità e dalla perdita della sovranità monetaria che limitano fortemente la loro capacità di far fronte al flusso di nuovi poveri in arrivo; per quanto il ruolo svolto dalle ONG non sia sempre cristallino; per quanto esista, con ogni probabilità, una “tratta dei migranti” che dovrebbe essere combattuta con fermezza… salvare le persone in pericolo e assicurare loro un trattamento umano, quello che si vorrebbe ricevere se si fosse al loro posto, è un imperativo morale cui non è possibile venire meno.
 
Chiediamo con forza che il governo italiano riconosca la priorità del salvataggio di vite umane rispetto a tutte le ragioni che lo inducono a portare avanti il braccio di ferro con la UE.
 
L’Italia anteponga la vita delle persone, reali e concrete, alla necessità di forzare gli altri paesi dell’Unione ad assumersi le proprie responsabilità; intervenga, anche all’interno delle acque libiche, con navi della Marina Militare, per soccorrere i naufraghi e condurli al sicuro nei nostri porti, senza fare distinzione fra rifugiati politici e migranti economici.

#primalepersone
Partito Umanista



 
 
Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information