Archivio: Senza categoria

Elezioni in Cile

Cile 2017: gli Umanisti tornano in Parlamento con vari deputati
Pubblicato: 20 Novembre 2017

Dopo 25 anni il Partito Umanista cileno torna in Parlamento con quattro o cinque deputati – il numero esatto si sta ancora calcolando – come parte del Frente Amplio. Tra gli eletti Tomás Hirsch e Raul Alarcon, vero nome di Florcita Motuda, l’autore del “Walzer del No”, inno dell’opposizione durante la campagna per il referendum del 1989, inserito tra le dieci canzoni che hanno cambiato il mondo. Il Frente Amplio ha ottenuto venti deputati e raggiunto il 16,50% dei voti.
Sono stati eletti anche sette consiglieri regionali, una carica comparsa per la prima volta in queste elezioni.
La candidata presidente del Frente Amplio Beatriz Sánchez è arrivata in terza posizione, con il 20,27% dei voti. In una prima dichiarazione, Sánchez si è scagliata contro i mezzi di comunicazione: “Se avessero detto la verità forse saremmo arrivati noi al secondo turno”, ha dichiarato, alludendo ai sondaggi che parlavano di un forte calo del Frente Amplio. Questo dato ha probabilmente stimolato il “voto utile” al candidato socialista Alejandro Guillier, che ha ottenuto il 22,69%. Com’era previsto, il candidato della destra, Sebastián Piñera si è piazzato in testa con il 36,64%.
Il panorama politico cileno esce profondamente trasformato da queste elezioni. L’eccezionale risultato del Frente Amplio si può leggere come una vittoria della nonviolenza, caratteristica comune della coalizione, del coraggio e della coerenza. L’eredità di Laura Rodriguez, deputata umanista dal 1990 fino alla sua morte nel 1992, verrà ora ripresa dai nuovi eletti.

[Pressenza]

8 marzo – Giornata internazionale della donna 8 marzo 1984 – Nascita del Partito Umanista Internazionale

image.jpg

Non fu un caso che si scelse l’8 marzo, Giornata internazionale della donna, per l’avvio del Partito Umanista.
Le donne erano già discriminate, insieme ai giovani, ed i loro preziosi aiuti in diversi campi erano posti sotto silenzio.
Ancora oggi sono le più colpite dai diversi tipi di violenza – includendo quella economica – che caratterizzano l’inumanità del sistema economico e sociale nel quale viviamo.

Oggi, come allora, il nostro augurio è rivolto a tutti gli uomini e le donne, affinché si “lavori” per dare il via ad un processo di cambiamento profondo ed essenziale della nostra società, dando spazio ad una nuova sensibilità che ponga come massimo valore la libertà umana e come pratica sociale la non-discriminazione e la non-violenza.

Buon 8 marzo a tutti.
Partito Umanista – 7 marzo 2014 –

[Ringraziamo Alessia Genovese per la traduzione dallo spagnolo di questo comunicato internazionale]

Per non dimenticare Hiroschima e Navasaki

Viviamo in una situazione critica in tutto il mondo, caratterizzata dalla povertà di vaste regioni, dal confronto tra culture, dalla violenza e dalla discriminazione che sono sempre più presenti nella vita quotidiana di grandi settori della popolazione. Esistono conflitti armati in numerosi punti, si sta manifestando una profonda crisi del sistema finanziario internazionale, ed a tutto questo si aggiunge la minaccia nucleare in aumento, la massima urgenza del momento attuale. È un momento di enorme complessità; agli interessi irresponsabili delle potenze nucleari ed alla pazzia di gruppi violenti che possono accedere a materiale nucleare di dimensioni ridotte, dobbiamo aggiungere il rischio di incidente, che potrebbe innescare un conflitto devastante. Non si tratta della somma di singole crisi: ci troviamo davanti al fallimento globale di un sistema la cui metodologia di azione è la violenza e il cui valore centrale è il denaro. [...]

Grillo up – Bersani down – Napolitano bis: il risultato di un sistema perverso e decadente

In queste ore tra lo scenario paradossale per l’elezione del Presidente della Repubblica, le spaccature della pseudo sinistra, gli inciuci che si prospettano per il nuovo governo … Che cosa c’è da dire su un sistema perverso e decadente? Che cosa c’è da dire su un sistema basato sulla democrazia totalmente formale?
Le uniche parole che vale la pena far arrivare sono quelle che scrisse Silo nel 1991 in “Lettere ai miei amici” e che danno orientamento e ispirazione all’azione di milioni di persone che si riconoscono nell’umanesimo universalista e che ogni giorno scelgono tra riformismo e rivoluzione, tra violenza e nonviolenza, tra facili catarsi di piazza o la costruzione di una società pienamente umana.

leggi tutto

10 GIUGNO 2012 – BOSCO IN CITTÀ

1.jpg

      domenica 10 giugno dalle ore 17.00
      a un mese dalle elezioni comunali
      IL MOVIMENTO CIVICO ECOLOGISTA
      Per un’altra Pistoia

      invita
      gli amici che hanno condiviso due mesi di impegno
      massiccio e gli elettori che hanno premiato questa fatica
      ad un pomeriggio festoso e musicale
      negli spazi del BOSCO IN CITTÀ
      che vogliamo veder diventare il futuro Parco e polmone
      verde a sud di via Nazario Sauro
      Sono graditi/e gruppi, movimenti e associazioni
      che hanno a cuore il bene di PISTOIA

Abbiamo già dato …ora tocca a voi

Ma cos’è questa crisi ?
Ci chiedono continuamente di stringere la cinghia, bisogna salvare l’Italia, ma noi chi ci salva, ma non vedono che la gente non ce la fa più, solo oggi si sono suicidate altre due persone rimasti senza lavoro, la gente va in crisi, gli atti violenti e insulsi si sommano giorno dopo giorno, il lavoro non si trova, addirittura molti rinunciano a cercarlo ( cosa ancor peggiore ).
I cittadini cobbarcati dalle tasse, aumenti esponenziali, non arriviamo neanche a metà mese ,ma non capiscono che i limoni una volta spremuti non danno più nulla ,e noi non siamo limoni ma esseri umani.
Dall’ altra parte chi troviamo ?
Troviamo chi ci chiede sempre più, ma se a loro chiediamo di ridursi lo stipendi, pensioni d’oro, o altro ……..cosa fanno ? si arroccano , fanno cerchio e a fanno ? vivono in un altro mondo, o fanno finta? della serie : ci sono o ci fanno? hanno tenori di vita improponibili, benefit, potere, e se gli chiediamo loro un pò di equità, hanno tante belle parole ma niente di più, ormai sono in un altro mondo, ma sta a noi farli scendere dal piedistallo su cui sono stati messi ( la maggior parte proprio da noi ).
Riappropriamoci della politica, quella vera , che pare dal basso , perchè chi meglio di noi semplici cittadini conosce di cosa ha bisogno il paese , NOI.

Luca Pecchioli

Costa D’Avorio, la crisi ignorata

Comunicati Stampa – Comunicati Stampa

Il Partito Umanista denuncia la violenza crescente dovuta alla crisi post-elettorale non risolta che si sta producendo in Costa D’Avorio.
Reclamiamo una soluzione nonviolenta che permetta al paese di superare la frattura sociale. La violenza indiscriminata ha causato numerose vittime, tra le quali Lacina, Drissa y Moumouni, militanti umanisti.

leggi tutto

NO alla GUERRA !!

IL PARTITO UMANISTA DI PISTOIA, DENUNCIA QUESTA POLITICA VOLTA ALLA GUERRA ED AL NON RISPETTO DEI DIRITTI UMANI E SI BATTE ORA E SEMPRE PER QUESTE INGIUSTIZIE E DIFENDERE I DIRITTI BASILARI DELL’ESSERE UMANO, E OPPORSI A SCELTE GUERRAFONDAIE O DI FINTO AIUTO, INSISTENDO ANCOR DI PIU’ NEL DIRE CHE LA DEMOCRAZIA NON SI ESPORTA CON LE ARMI, E QUAND’E’ COSI’ PURTOPPO CI SONO SOTTO INTERESSI ECONOMICI,DI PRESTIGIO,ALLINEAMENTI INTERNAZIONALI SBAGLIATI E SITUAZIONI CREATE IN MALO MODO DA CUI POI OVVIAMENTE TORNARE INDIETRO E’ SEMPRE PIU’ COMPLICATO.
L’UNICA STRADA , COMUNQUE Eì DIRE NO ALLA GUERRA E AGLI INTERESSI CHE CI SONO DIETRO, E RICORDARE A CHI DICE CHE PURTROPPO PER RIPORTARE LA PACE IN CERTE REGIONI, L’UNICA VIA E’ QUELLA INTRAPRESA, DIRE DI NO, CHE L’UNICA STRADA E’ IL DIALOGO, MA VERO E SINCERO, SENZA RETROSCENA ORETROGUSTI VARI.

Luca Pecchioli – Partito Umanista

Italia, Senato approva rifinanziamento missione in Afghanistan Approvato con voto bipartisan: contrario solo l’IdvIeri sera il Senato ha dato il via libera definitiva all’ennesimo rifinanziamento semestrale dellamissione italiana di guerra in Afghanistan. Per i 181 giorni di campagna militare che vanno dal 1° gennaio al 30 giugno 2011, è prevista una spesa complessiva di oltre 410 milioni di
euro, vale a dire più di 68 milioni al mese (2,26 milioni al giorno). Solo i nove senatori dell’Idv presenti hanno votato contro il decreto: Felice Belisario, Giuseppe Caforio, Giuliana Carlino, Aniello Di Nardo, Elio Lannutti, Luigi Li Gotti, Alfonso Mascitelli, Francesco Pardi e Stefano Pedica.In dissenso dal Pd, che ha votato compatto il rifinanziamento della missione, non hanno partecipato al voto i senatori radicali del gruppo Pd Marco Perduca e Donatella Poretti. Con l’invio di nuovi rinforzi, nei prossimi mesi il contingente italiano sul fronte afgano arriverà a contare 4.350 uomini, 883 mezzi terrestri (tra blindati leggeri e pesanti, carri armati, camion e ruspe) e 34 velivoli (tra caccia-bombardieri, elicotteri da combattimento e da trasporto e droni).
In nove anni e mezzo (compreso quindi il rifinanziamento attualmente in esame), questa inutile campagna militare ha risucchiato dalle sangui casse dello Stato più di 3 miliardi di euro.

E gli hanno dato il NOBEL PER LA PACE – Obama promette di perseguire piani di difesa missilistica degli Stati Uniti

WASHINGTON Il presidente Barack Obama ha promesso Sabato a perseguire la diffusione di sistemi di difesa missilistica degli Stati Uniti e ha respinto la pretesa della Russia che in questo modo da giustificare la revoca di un nuovo trattato sulle armi nucleari di controllo.

“A prescindere da azioni della Russia in questo senso, fino a quando io sono presidente, e finché il Congresso prevede i necessari finanziamenti, gli Stati Uniti continueranno a sviluppare e distribuire le difese antimissile efficace per proteggere gli Stati Uniti, le nostre forze dispiegate, e i nostri alleati e partner, “ha detto.

messaggio forte di Obama su una questione che ha a volte profondamente irritato Mosca arrivò in una lettera ai senatori alto come i suoi nemici repubblicano chiamato per uccidere il nuovo Strategic Arms Riduzioni trattato (START) sulle preoccupazioni di difesa antimissile.

I repubblicani hanno radunato dietro un emendamento del senatore repubblicano John McCain per togliere lingua in preambolo START la vendita abbinata da armi nucleari offensive di sistemi difensivi.

Il preambolo non è vincolante ma, in quanto il risultato di colloqui tra Washington e Mosca, passando per l’emendamento avrebbe costretto l’accordo al tavolo negoziale, di fatto uccidere l’accordo.

L’emendamento avrebbe bisogno di nove alleati democratici di Obama al Senato di aderire tutti e 42 i repubblicani a passare – che significa l’atto è stato tutto-ma-certo di scendere alla sconfitta.

I repubblicani hanno fatto la dichiarazione unilaterale della Russia, quando il trattato è stato firmato da Obama e il presidente russo Dmitry Medvedev nel mese di aprile, che un aumento delle difese antimissile degli Stati Uniti potrebbe portare Mosca per tornare indietro dell’accordo.

La Russia ha ragioni per uscire dal trattato ai sensi di una clausola che ciascuna parte può farlo se la loro sicurezza nazionale è minacciata “, include un build-up” di difesa missilistica degli Stati Uniti “, tale che potrebbe dar luogo a una minaccia per il potenziale strategico forza nucleare della Federazione russa “.

“Gli Stati Uniti non hanno e non è d’accordo con l’affermazione russo”, ha detto Obama nel messaggio, che la Casa Bianca ha reso pubblico.

Repubblicani sembrava essere colti di sorpresa dalla lettera che il senatore democratico John Kerry leggere ai suoi colleghi, anche se McCain ha risposto: “Presidenti non durano per sempre, ma trattati vincolanti fare”

.Luca Pecchioli
lpecchioli@tiscali.it
www.partitoumanista.it/pistoia
ama la realtà che costruisci

Per un’economia di sana e robusta costituzione

Ecco la nostra proposta rispetto alla soluzione della crisi
economica mediante l’applicazione pratica della Costituzione Italiana.
Per documentarsi sulla campagna e per aderire ad essa, potete scaricare il testo a questo indirizzo
e firmare on-line la petizione