Verso un nuovo paradigma di cooperazione, solidarietà e reciprocità

 Oggi, martedì 4 maggio 2021, è il 52° anniversario del primo discorso pubblico di Silo, filosofo e principale ideologo del Nuovo Umanesimo. Il suo messaggio fu dato nel 1969 tra rocce e montagne a Punta de Vacas, in un luogo vicino all'autostrada che collega Mendoza (Argentina) con Santiago (Cile), con un grande valore simbolico perché fu l'unico luogo, dopo molti sforzi e trattative, dove fu ottenuto il "permesso" dal regime militare de facto dell'Argentina per svolgere questa attività.

La dittatura militare argentina aveva proibito la realizzazione di qualsiasi atto pubblico nelle città e davanti allo sguardo sorpreso dei soldati che sorvegliavano la zona, circa duecento persone arrivarono in quel luogo remoto vicino ai tremila metri di altitudine, in un luogo desolato della Cordigliera delle Ande, per ascoltare un uomo chiamato Silo (Mario Luis Rodríguez Cobos).

Quel giorno d'autunno, freddo e soleggiato, fin dalle prime ore del mattino, le autorità hanno controllato le vie d'accesso, esigendo documentazione e informazioni personali da coloro che arrivavano (il che ha creato alcuni conflitti con la stampa internazionale) e installando nidi di mitragliatrici, veicoli militari e uomini armati nelle zone circostanti.

In questo magnifico scenario di montagne innevate come auditorium naturale e minando la credibilità dell'abuso della censura autoritaria, Silo realizzò quella che è conosciuta come la "Lezione sulla guarigione della sofferenza", considerata la prima attività pubblica del Movimento Umanista. Una corrente di opinione che mette in discussione l'organizzazione del potere, atipica perché nata nel Terzo Mondo (in rottura con la visione egemonica, eurocentrica, occidentale, del sapere), in piena guerra fredda.

Così, il Nuovo Umanesimo emerge rompendo un nuovo terreno, salvando il pacifismo dell'umanesimo storico, denunciando tutte le forme di violenza, e portandolo molto oltre, proponendo la nonviolenza attiva come metodologia di azione, che all'epoca era sospetta per le parti in causa.

Il Nuovo Umanesimo parte dall'essere umano come posizione centrale della sua filosofia, ma non considera le posizioni teistiche come necessariamente opposte, né le scarta.

Non solo parte da un'antropologia che vede la persona come un essere storico e sociale, e apporta contributi a una nuova proposta psicologica (dall'intenzionalità della coscienza), ma sviluppa anche una proposta spirituale, che rompe con il paradigma razionale-scientifico, l'episteme dominante della scienza moderna.

Il Nuovo Umanesimo non parte da una visione statica o decontestualizzata dell'essere umano, come se corrispondesse a una condizione naturale (studia in profondità le condizioni di origine di ogni processo personale o sociale), ma piuttosto lo vede in dinamica come un essere sociale che, come afferma il Documento Umanista (1993), oltre ad avere una storia molto lunga, ha un futuro ancora più esteso.

Il Nuovo Umanesimo difende il diritto alla soggettività della persona, denunciando il dominio di questa da parte del grande capitale che controlla i media, così come fa con l'oggettività attraverso il controllo dei mezzi di produzione. E salva la costituzione umana dalla sua temporalità e dalla sua intersoggettività (nella sua apertura verso l'universo umano) come punto di partenza per convergere nella diversità per la costruzione della società umana universale.

Questa universalità si costituirà a partire da nuove forme di comunicazione interculturale, di scambio di esperienze e significati, come aspirazione, mai dalla pretesa che la specifica visione del mondo di una particolare cultura si imponga come razionalità universale, anche se tale cultura si chiama Europa occidentale o Nord America.

Cioè, l'universalità del Nuovo Umanesimo non è l'universalità dell'imperialismo internazionalista (come la globalizzazione), ma piuttosto quella del rispetto della diversità delle culture e delle regioni, propiziando la creazione di federazioni regionali e di una confederazione mondiale basata su un sistema di democrazia reale.

Gli umanisti capiscono che la globalizzazione, avanzando, demolisce lo stato nazionale, aumentando la disuguaglianza, la discriminazione e lo sfruttamento, ma siamo anche consapevoli che nella concentrazione del potere imperialista c'è una crescita del disordine che porterà al caos generale. In questa emergenza, identifichiamo come nostri interessi quelli di tutta l'umanità che soffre gli effetti dello stesso sistema globalizzato.

Evidentemente il Nuovo Umanesimo è decolonialista dal momento in cui emerge come paradigma basato sui principi di solidarietà e comunità. Inoltre, si definisce come dinamico e in costruzione, con il contributo delle diverse culture del mondo.

Le visioni imperialiste e colonialiste, con le loro pretese di universalità e l'unico sapere valido, legittimano il potere del grande capitale e naturalizzano i processi sociali di oppressione, il che chiude la possibilità di pensare alla trasformazione sociale oltre i limiti imposti dal capitalismo.

Il Partito Umanista Internazionale, come milioni di persone e organizzazioni umaniste, si dedica alla costruzione di un nuovo immaginario storico anticapitalista, un orizzonte di senso storico, caratterizzato da una soggettività basata sulla reciprocità e da una nuova razionalità liberatrice (dello sfruttamento e del dominio) e solidale (tra le persone e con la natura), espressa in ogni azione sociale personale e collettiva che realizziamo.

Come molte altre organizzazioni, il Partito Umanista Internazionale si colloca nella corrente di opinione del Movimento Umanista e assume il Nuovo Umanesimo come postulato filosofico della sua azione politica. Per tutte queste organizzazioni è essenziale elaborare un umanesimo che contribuisca al miglioramento della vita, che affronti la discriminazione, il fanatismo, lo sfruttamento e la violenza.

In un mondo che si sta rapidamente globalizzando, dove le azioni dell'imperialismo, dei gruppi finanziari e delle banche internazionali favoriscono lo scontro tra culture, etnie e regioni, il Movimento Umanista propone lo sviluppo di un Nuovo Umanesimo, plurale e convergente, un umanesimo capace di produrre la ricomposizione delle forze sociali; un umanesimo capace di creare un nuovo clima di riflessione e azione, in cui il personale non sia irriducibilmente opposto al sociale, né la libertà alla solidarietà.

Noi umanisti comprendiamo che il capitalismo non è solo un sistema economico, ma una complessa rete globale di potere, integrata da processi economici, politici e culturali, la cui somma sostiene l'intero sistema preistorico in cui ancora viviamo. Il Nuovo Umanesimo tende alla modifica di questo schema di potere, con l'obiettivo di trasformare l'attuale struttura sociale che sta andando verso un sistema chiuso (globalizzazione), in cui predominano gli atteggiamenti pratici e i "valori" teorici dell'antiumanesimo.

Queste pratiche mirano alla manipolazione, invisibilizzazione e repressione di tutti i tipi di rivolte, proteste e sviluppi di movimenti sociali che mettono in discussione i diversi tipi di violenza stabiliti. La logica dell'attuale sistema capitalista, patriarcale, antropocentrico, nasconde sotto la retorica del progresso e della modernità, l'esclusione e la sottomissione di miliardi di esseri umani umiliati, vilipesi, dimenticati ed emarginati, negando i loro diritti umani, compreso il loro diritto di sognare, di essere felici, di avere risolti i loro bisogni fondamentali di educazione, salute, casa, cibo, ecc.

Di fronte alla violenza del sistema, il nuovo umanesimo promuove la lotta emancipatrice non violenta, nella ricerca di costruire la possibilità di eliminare i fattori di oppressione, affinché gli esseri umani possano sviluppare l'esercizio della libertà, e delle qualità e forze creative che superano ogni forma di violenza.

In occasione della commemorazione ci saranno numerose celebrazioni nei Parchi di Studio e di Riflessione di tutto il mondo, così come in molti spazi definiti come umanisti o siloisti. Che questa data serva a incoraggiare la nostra azione umanizzante in modo creativo, come un umanesimo che, tenendo conto dei paradossi dei tempi, aspira a risolverli.

 

Equipe di coordinamento internazionale Partito Umanista

 

4 maggio 2021.


* Dichiarazione basata su testi del Dizionario del Nuovo Umanesimo (1997).

 

Partito Umanista Italia © 2005 - 2019