Dal 1989, le Nazioni Unite, dalla sua agenzia specializzata in politiche demografiche, il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) celebra la Giornata Mondiale della Popolazione, con l'interesse dichiarato di attirare l'attenzione sull'urgenza e l'importanza delle questioni demografiche, compresa la loro relazione con l'ambiente e lo sviluppo.

I dati aggiornati di questo organismo mostrano che la popolazione del mondo nel 2021 è di 7.875 milioni di persone. Per età e percentuale, la popolazione mondiale è così suddivisa: 0-14 anni 25,3%; 15-64 anni 65%; oltre 64 anni 9,7%.

Ci sono volute decine di migliaia di anni perché la popolazione mondiale raggiungesse un miliardo di abitanti. E ci sono voluti altri 200 anni perché questa cifra aumentasse di sette volte nel 2011. L'UNFPA prevede che la popolazione aumenterà a 8,5 miliardi nel 2030, 9,7 miliardi nel 2050 e 10,9 miliardi nel 2100.

Tra i megatrend evidenziati nei rapporti derivati dall'ONU, ce ne sono tre principali: 1) il calo della fertilità femminile mondiale, che è passata da 4,5 figli nel 1970 a 2,5 figli cinque decenni dopo; 2) l'aumento della speranza di vita, che è passata da 64,6 anni all'inizio degli anni '90 a 72,6 anni nel 2019; 3) la continua crescita dei livelli di urbanizzazione. Nel 2007, per la prima volta nella storia dell'umanità, più persone vivevano in aree urbane che in aree rurali, e per il 2050 si stima che circa 2/3 della popolazione mondiale vivrà in città.

L'approccio ai problemi della popolazione, e la loro relazione con lo sviluppo economico, l'occupazione, il reddito, la povertà, le protezioni sociali, l'accesso universale all'assistenza sanitaria, l'istruzione, l'alloggio, i servizi igienici, l'acqua, il cibo, l'energia, l'ambiente naturale, è stato attraversato da visioni molto dissimili.

La maggior parte delle analisi che evitano la componente del modo di sfruttamento, produzione, consumo e accumulazione della ricchezza capitalista, hanno messo al centro delle preoccupazioni sulla questione della popolazione, l'ipotesi della crescita eccessiva della stessa e la possibilità di essere ai limiti della tolleranza in termini di quantità di popolazione che il pianeta può sopportare.
Questo è il pensiero predominante nelle sfere internazionali del multilateralismo, del mondo accademico, delle fondazioni e dei think tank. Di solito sostengono che il mondo è sovrappopolato o in via di sovrappopolazione e che questo spiega in gran parte le crisi ambientali, sociali ed energetiche di oggi e quelle più estreme che si profilano nel futuro.

Questi approcci riflettono le influenze malthusiane (Thomas Malthus, un economista che, nel XVIII secolo, fece delle proiezioni allarmanti sulla crescita della popolazione mondiale). I suoi contributi risuonarono fortemente con molte delle élite oppressive dell'epoca, che iniziarono a preoccuparsi se in futuro ci sarebbe stato abbastanza spazio, cibo ed energia per una popolazione che si supponeva stesse crescendo in modo incontrollato e incontrollabile.

Tra le organizzazioni più influenti che hanno affrontato più recentemente il tema con una visione neo-malthusiana c'è il Club di Roma, un think tank della destra mondiale, che nel 1972 pubblicò il rapporto "I limiti della crescita", di cui furono vendute più di 20 milioni di copie, diventando, nei centri di pensiero dell'Occidente, un manuale sulla popolazione. L'opera spiegava con un grande sfoggio di cifre e relazioni, che le risorse decisive si stavano esaurendo. A causa di ciò, l'umanità entrerebbe in un periodo catastrofico, dove la popolazione sarebbe brutalmente ridotta dalla fame e dalle guerre.  

Più recentemente, nel 2012 hanno lanciato un altro rapporto "2052: Una proiezione per i prossimi 40 anni", dove mantengono la linea di argomentazione di generalizzare le responsabilità dei grandi problemi dello sviluppo umano a tutta la specie. Essi sottolineano l'importanza di stabilizzare la crescita della popolazione al fine di "ridurre le disuguaglianze e raggiungere il benessere globale a lungo termine".

Allo stesso modo, altri organismi multilaterali, tra cui le stesse Nazioni Unite, affermano che la crescita della popolazione è una delle maggiori sfide, e uno dei fattori che ha il maggiore impatto su: l'esaurimento delle risorse naturali; il degrado dell'ambiente; l'aumento della disoccupazione e l'aumento del costo della vita.

Dal Partito Umanista Internazionale osserviamo e interpretiamo le informazioni e i dati provenienti dall'ONU in modo diverso. Allo stesso tempo prestiamo attenzione alle più recenti affermazioni di altri demografi che, per ora in minoranza, sostengono che stiamo andando verso un "inverno demografico". Questi studi si basano principalmente su due indicatori: 1) il comprovato rallentamento del livello di fertilità, in parte ottenuto da politiche pubbliche mirate al controllo e alla limitazione delle nascite e 2) il progressivo invecchiamento della popolazione mondiale.

La densità di popolazione per continenti smentisce le interpretazioni che sostengono che maggiore è la densità, maggiore è il sottosviluppo.  Se si confrontano i continenti in base alla loro densità, i dati approssimativi al momento sono: Asia: 103 abitanti per km²; Europa: 70 abitanti per km²; Africa: 43 abitanti per km²; Nord America: 24 abitanti per km²; Sud America: 21 abitanti per km².

Sotto la premessa che "più popolazione, più fame, problemi di salute, alloggi, ecc.", allora l'Asia e l'Europa dovrebbero essere le più colpite e non l'Africa (che ha quasi la metà della densità di popolazione dell'Europa), quindi la sovrappopolazione non potrebbe mai spiegare le condizioni di vita subumane che si trovano nel continente africano.

Gli umanisti comprendono che i problemi sociali, ambientali, di salute e di qualità della vita possono essere compresi indagando su ciò che facciamo e su chi decide cosa viene fatto (cosa, quando, dove, come, da chi, perché e per quale scopo viene prodotto). I grandi problemi di civilizzazione non si spiegano con quanti siamo e quanto spazio occupiamo, il problema centrale è di orientamento e direzione, non è quantitativo, è qualitativo.

Se manca il cibo, l'acqua e un alloggio decente per una parte immensa della popolazione mondiale, se c'è un enorme deterioramento dell'ambiente naturale, non è dovuto all'azione simultanea esercitata da un eccesso di popolazione. Anche se i limiti fisici e ambientali della Terra sono finiti, siamo molto lontani da una penuria e da un abuso dovuti alla mancanza di spazio, di tecniche, di risorse esercitate da una sovrappopolazione mondiale.

Quando si cercano spiegazioni per la fame, l'inquinamento e la violenza in generale, l'ipotesi che siamo troppi, troppo poco spazio e troppo poche risorse per la coesistenza è infondata.
In termini di emissioni di gas a effetto serra, l'1% più ricco della popolazione mondiale è stato responsabile di più del doppio dei 3,1 miliardi di persone che compongono il 50% più povero. Questa è una delle conclusioni del rapporto 2020 di Oxfam-Intermón "Combattere la disuguaglianza del carbonio", che sostiene: "Il cambiamento climatico è inestricabilmente legato alla disuguaglianza economica: è una crisi guidata dalle emissioni di gas serra generate dai ricchi, ma che colpisce principalmente i più poveri.

L'aspettativa di vita non è legata alla sovrappopolazione. Nell'Europa densamente popolata, secondo i dati dell'OMS, la speranza di vita in Spagna è di 83 anni, in Italia di 82 anni. Nell'Asia ancora più densamente popolata, in Giappone raggiunge gli 84 anni, in Vietnam i 76 anni. In Africa, che è considerevolmente meno densamente popolata, l'aspettativa di vita è di 62 anni in Angola, 55 anni in Nigeria, 53 anni nella Repubblica Centrafricana, la fame e la mancanza di assistenza sanitaria spiegano le differenze di età, non la densità della popolazione.
Una buona parte dei principali problemi a livello di civilizzazione delle risorse materiali sono: 1- I valori del sistema mondiale attuale (cultura materialista, finanziarizzazione di quasi tutto ciò che esiste, concorrenza; individualismo; consumo inutile, banale, sontuoso, ecc.) 2- Il modo di produzione oligopolistico (estrattivo, predatorio, inquinante, obsolescenza programmata, massimizzazione del profitto). 3- Il mantenimento della divisione internazionale del lavoro. 4- Pratiche politiche neo-coloniali. 5- Regole commerciali ingiuste. Non è un problema di eccesso di popolazione, ma di usi strumentalizzati dal Grande Capitale.

La soluzione fondamentale sta nel come distribuire ciò che abbiamo attraverso una vera democrazia, come porre fine al sistema finanziario internazionale, e come riorientare le spese distruttive (industria militare, consumo banale, estrattivismo, ecc.) verso una produzione costruttiva (scienza e tecnologia al servizio della qualità della vita; salute ed educazione integrale, cultura della non violenza).

La soluzione fondamentale comporta anche l'apertura di un orizzonte umanista intangibile, verso il quale orientare la realizzazione e l'umanizzazione individuale e collettiva per soddisfare i bisogni dell'essere (libertà, solidarietà, coerenza tra pensare, sentire e agire, imparare senza limiti, poter amare la realtà che si costruisce).
Il Partito Umanista Internazionale sostiene che nessun essere umano è un peso per il mondo, nessuna persona è una spesa. Ogni essere umano, nella misura delle sue capacità, può contribuire al raggiungimento del bene comune.

Per gli umanisti, sebbene la felicità (uno stato interiore di crescente soddisfazione per se stessi con il passare della vita) sia qualcosa che si registra personalmente, è un compito che può essere raggiunto solo collettivamente, lavorando insieme agli altri. E in termini civili sarà possibile solo attraverso l'azione convergente di grandi gruppi di popolazione, nella direzione dell'umanizzazione della Terra, nella direzione della Nazione Umana Universale.

Equipe di coordinamento internazionale
Federazione dei partiti umanisti

 

Partito Umanista Italia © 2005 - 2019